Tutto quello che devi sapere sullo yoga verde

tutto sullo yoga

L'albero è la posa yoga più famosa il cui nome si riferisce alla natura. Ma ci sono anche la montagna, il fiore di loto, l'aquila e il cobra, tra molti altri.

Le evocazioni dell'ambiente naturale sono costanti da millenni nella pratica dello yoga e potrebbero essere attribuite al fatto che le immagini della natura sono semplici e che tutti le conoscono e possono relazionarsi con esse. Tuttavia, questa attribuzione potrebbe rimanere superficiale, in realtà il rapporto tra yoga e natura è più profondo.

Yoga è una parola sanscrita che significa unione, l'unione del corpo e della mente, l'unione dell'essere umano e del suo ambiente, l'unione della persona e dell'universo.

Tradizionalmente, lo yoga ci ha messo in guardia sull'interdipendenza tra umanità e natura. Solo rendere le persone consapevoli del proprio respiro è un modo per metterle in relazione con la propria natura e ambiente. In un certo senso, lo yoga ha sempre avuto una dimensione ecologica, ma nella vita moderna viene ignorato se lo si considera nient'altro che esercizio fisico.

Lo yoga è molto più di questo, è una disciplina che aiuta a cambiare lo stile di vita di chi lo pratica ei suoi benefici trascendono il corpo e la salute della persona, raggiungendo il loro ambiente. Inoltre, lo yoga può aiutare a proteggere questo ambiente e combattere il cambiamento climatico che minaccia il pianeta.

Yoga verde con buoni accessori

Secondo alcuni insegnanti di yoga, le due cose più importanti che devi fare nello yoga sono il tuo corpo e la tua mente, ma se aggiungi un buon tappetino da yoga, ti sentirai più a tuo agio.

Se stai praticando in una sala yoga, ti consigliamo di averne una tua tappetino yoga. Primo perché è più igienico e secondo perché pratichi meglio con un accessorio che fa al caso tuo, perché l'hai scelto e testato tu stesso.

Negli ultimi anni sono emersi nuovi materiali per materassini da yoga come il sughero e la gomma naturale. Se pratichi yoga solo da poco tempo, potresti sentirti un po 'perso quando scegli il tuo tappetino da yoga.

I criteri per scegliere il tuo tappetino yoga

Lo spessore del tappetino yoga

Varia a seconda dell'uso a cui è destinato. I tappetini da 1,5 a 2 mm sono destinati ai viaggi, poiché non occupano molto spazio in una valigia. Ma non è raccomandato per la pratica regolare. Lo spessore standard di un tappetino da yoga è di 3-4 mm. Ci sono tappetini da 5 mm, questo è uno spessore più adatto per lo yoga dinamico che include vinyasa e salti, ammortizzano i salti.

La consistenza del tappetino yoga

La trama è la sensazione del materiale, può essere più o meno ruvida, liscia o con una trama creata nel materiale, ma l'importante è che sia antiscivolo.

Evita i materassini in gommapiuma, se la pressione della tua mano lascia un segno sul tappetino, manca di densità ed è un materassino che sarà adatto per ginnastica, pilates ed esercizi di stretching. Ma non lo yoga.

Tappetino yoga antiscivolo

Questo è il criterio più importante per il tuo comfort. Avere piedi o mani instabili in posizione può essere scomodo o pericoloso poiché sarà più difficile per te mantenere la posizione.

Le misure del tuo tappeto

Il tappeto standard è di circa 175 x 60 cm e la sua larghezza è solitamente di 60-65 cm, ma recentemente sono apparse nuove dimensioni più grandi.

Non devi scegliere un tappetino grande, pesa di più e occupa più spazio, ma dipenderà dalla tua pratica yoga. Se fai yoga dinamico oashtanga yoga, questo può essere utile, ma la cosa più importante è essere in grado di adattarsi allungando.

Il peso del tappetino yoga

Il peso varia a seconda del materiale. Ora che dobbiamo portare il nostro tappetino personale per allenarci al chiuso, questo è un criterio importante. Questo perché trasportare un materassino XL da 3 kg su una tracolla può influire sull'impronta e / o sulla schiena.