Fornitura di energia elettrica: qual è la differenza tra tariffa regolamentata e prezzo di mercato?

Molte famiglie si pongono ancora questa domanda. Questi temi, comparsi dall'apertura del settore alla concorrenza, sollevano molte domande e persino polemiche. Scopri come tenere conto di questi criteri per identificare una fornitura di energia elettrica che possa soddisfare le tue aspettative.

Tariffa regolamentata, prerogativa di EDF

Questa espressione designa il tariffa blu dell'operatore storico. È stabilito dalle autorità governative su proposta della Commissione per la regolamentazione dell'energia. Di solito subisce una modifica nel mese di gennaio, tenendo conto dell'ammontare del contributo al servizio pubblico di energia elettrica. Il prezzo per kilowatt può cambiare anche ad agosto. EDF e alcune società di distribuzione locali applicano la tariffa regolamentata. Ritenuto eccessivo, ciononostante rientra offerte diverse più o meno vantaggioso per utenti con esigenze specifiche. Molte famiglie rimangono abbonate all'operatore storico e sopportano questi prezzi diversi.

Prezzo di mercato, nervo della concorrenza

Questo tema sancisce la liberalizzazione del settore da parte delle autorità pubbliche. I fornitori stabiliscono le loro tariffe libere da interferenze da parte dello Stato e della Commissione per la regolamentazione dell'energia. Ciò consente loro di commercializzare l'elettricità in modo tale da coprire i costi e generare un margine finanziario. Gli abbonati EDF possono anche scegliere liberamente tra tariffa regolamentata e prezzi di mercato.

Questa competizione rappresenta un vero vantaggio per gli utenti poiché abbassa sistematicamente i prezzi. Alcuni fornitori alternativi come Total Direct Energie emergono dal lotto con proposte molto interessanti. Nato dall'alleanza tra Totale Primavera e di Energia diretta, questa azienda si distingue per la grande versatilità dei suoi servizi. Vende sia elettricità che gas. Vai alla piattaforma fornitori-energie.fr per scoprire il suo diverse offerte previsteè per famiglie, professionisti e utenti di Internet. Il prezzo di mercato si divide in due categorie.

Offerte a prezzo fisso

Il fornitore accetta di fatturarti un tariffa invariabile per kilowatt su un periodo determinato, la cui durata varia generalmente da 1 a 4 anni. Il tuo operatore non potrà trasferire alcun aumento dei costi sulla tua bolletta. Inoltre, non potrai aspettarti una riduzione in caso di tariffa regolamentata più bassa. Con questa opzione elimini le incertezze associate a fluttuazioni dei prezzi del mercato. È quindi improbabile che le tue cariche elettriche si gonfino durante la notte. Le proposte a prezzo fisso rimangono molto apprezzate dalla maggior parte degli abbonati.

Offerte a prezzo indicizzato

Puoi anche chiedere al tuo fornitore di adeguare sistematicamente il prezzo del chilowatt alle variazioni degli importi regolamentati stabiliti dalle autorità pubbliche. Applicherà un indice per determinare il nuovo valore da prendere in considerazione. Avrà cura di mantenere il file stesso divario. Con un prezzo indicizzato, dovresti aspettarti di ricevere spesso bollette sempre più alte. D'altra parte beneficiate automaticamente di una riduzione in caso di diminuzione del costo dell'elettricità.